Nuovo BONUS INVESTIMENTI per FORFETTARI

Nuovo BONUS INVESTIMENTI per FORFETTARI

Nuovo BONUS INVESTIMENTI per FORFETTARI.  La Legge di Bilancio 2020 prevede, per gli investimenti effettuati a partire dal 1 gennaio 2020, una agevolazione sull’acquisto di beni strumentali, rappresentata da un nuovo credito d’imposta utilizzabile in compensazione attraverso modello F24.

Il credito d’imposta in esame è utilizzabile esclusivamente in compensazione mediante cinque quote annuali di pari importo, ridotte a tre per gli investimenti in beni immateriali.

Tale agevolazione non è di poco conto soprattutto per i contribuenti aderenti al regime forfettario.

Infatti secondo l’art. 1 co. 186 della legge di bilancio 2020 potranno infatti fruire del presente credito d’imposta le imprese nonché gli esercenti arti e professioni residenti nel territorio dello Stato indipendentemente:

  • –  dalla forma giuridica
  • –  dal settore economico di appartenenza
  • –  dalla dimensione
  • –  dal regime di determinazione del reddito

La formulazione di legge consente di affermare senza ombra di dubbio che la nuova agevolazione opera anche nei confronti dei soggetti che determinano il reddito in regime forfettario.

Ciò rappresenta una novità assoluta in quanto come noto tali soggetti fino ad oggi sono stati sempre esclusi dalle misure a vantaggio degli investimenti quali il super o iper-ammortamento.

Con la nuova misura, invece, tali soggetti avranno l’indubbio vantaggio di poter compensare il credito d’imposta derivante dagli investimenti effettuati con l’imposta sostitutiva del 5-15%, nonché con i  contributi previdenziali dovuti all’INPS ed INAIL.

Entità del credito d’imposta per tipologia di investimento

  • –  Per gli investimenti aventi a oggetto beni materiali strumentali nuovi, diversi da quelli “4.0”, in sostituzione del super ammortamento, è riconosciuto un credito d’imposta alle imprese e agli esercenti arti e professioni, nella misura del 6 per cento del costo, con un massimale di investimenti agevolabili di 2 milioni di euro.
  • –  Per gli investimenti aventi a oggetto beni compresi nell’allegato A di cui alla legge n.232/2016 (Beni funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale delle imprese secondo il modello «Industria 4.0»), in sostituzione dell’iper ammortamento, è riconosciuto un credito d’imposta ,esclusivamente alle imprese, nella misura del 40 per cento per la quota di investimenti fino a 2,5 milioni di euro e nella misura del 20 per cento tra i 2,5 milioni di euro e i 10 milioni di euro.
  • –  Per gli investimenti relativi ai beni compresi nell’Allegato B della legge n. 232/2016 (Beni immateriali (software, sistemi e system integration, piattaforme e applicazioni) connessi a investimenti in beni materiali «Industria 4.0»),il credito d’imposta, in sostituzione dell’iper ammortamento, è riconosciuto nella misura del 15 per cento del costo, nel limite massimo di costi ammissibili, pari a euro 700.000,00.

Per qualunque chiarimento o necessità, non esitate a contattare lo Studio Lo Torto (Commercialista Ostia).