IN ARRIVO L’INDENNITA’ ISCRO, LA CASSA INTEGRAZIONE PER I PROFESSIONISTI

La legge di Bilancio 2021 introduce un’ importante novità per i lavoratori autonomi ed i liberi professionisti rappresentata dalla indennità straordinaria di continuità reddituale e operativa (ISCRO), ossia una sorta di cassa integrazione, prevista per il triennio 2021-2023, per i professionisti iscritti alla gestione Separata Inps.

Questo nuovo ammortizzatore sociale rappresenta un’ulteriore misura che il governo intende adottare per venire incontro alla categoria dei contribuenti professionisti (vedi anche News e Approfondimenti ESONERO CONTRIBUTI 2021 – PROFESSIONISTI E LAVORATORI AUTONOMI), piuttosto trascurata nei precedenti interventi del Governo ed uscita profondamente  provata da questo difficilissimo anno 2020.

Entrando nel dettaglio il contributo ISCRO sarà riconosciuto per un massimo di 6 mensilità ai professionisti inscritti alla gestione separata in possesso dei seguenti requisiti:

  •     – non titolari di trattamenti pensionistici diretti e non assicurati presso altre forme previdenziali obbligatori
  •     – non beneficiari di reddito di cittadinanza
  •     – con reddito di lavoro autonomo, nell’anno precedente la presentazione della domanda, inferiore al 50% della media dei redditi da lavoro autonomo conseguiti nei tre anni precedenti l’anno anteriore la presentazione della domanda
  •     – reddito complessivo  inferiore ad €. 8.145 nell’anno precedente la presentazione della domanda;
  •     – in regola con la contribuzione previdenziale obbligatoria
  •     – titolari di partita Iva attiva da almeno 4 anni alla data di presentazione della domanda, per l’attività che ha dato titolo all’attuale iscrizione alla gestione previdenziale.

Al ricorrere di tali requisiti spetterà il contributo ISCRO in misura pari al 25%, su base semestrale, dell’ultimo reddito liquidato dall’Agenzia delle Entrate, importo variabile tra una forbice da un minimo di 250 euro al mese a un massimo di 800 euro al mese.

La domanda, contenente l’autocertificazione dei redditi prodotti negli anni in questione, dovrà essere presentata direttamente e telematicamente all’INPS entro il termine del 31 ottobre di ogni anno tra il 2021 ed il 2023, ma potrà essere presentata una sola volta nel triennio.

Inoltre l’assegnazione del contributo sarà subordinato alla partecipazione a percorsi di formazione ed aggiornamento professionale che verranno meglio specificati con apposito decreto ministeriale attuativo che verrà emanato entro 60 giorni dall’entrata in vigore della legge di bilancio 2021.

Per ulteriori informazioni sul Contributo ISCRO non esitate a contattare lo Studio Lo Torto (Commercialista Ostia Lido).