CREDITO IMPOSTA ACQUISTO BENI STRUMENTALI

Credito Imposta Acquisto Beni Strumentali

Credito Imposta Acquisto Beni Strumentali

La Legge di Bilancio 2020 prevede l’introduzione di un credito d’imposta molto interessante per l’acquisto di beni strumentali nuovi, in sostituzione del super e iper ammortamento, in vigore fino allo scorso anno.

L’agevolazione si rivolge alle imprese e professionisti che dal 1° gennaio 2020 al 31 dicembre 2020 effettuano investimenti in beni strumentali nuovi destinati a strutture produttive ubicate nel territorio dello Stato.

Rimangono esclusi dall’agevolazione in questione gli investimenti riguardanti:

  • –    i beni per i quali il D.M. 31 dicembre 1988 stabilisce aliquote di ammortamento  inferiori al 6,5 per cento;
  • –    i beni di cui all’Allegato 3 della Legge n. 208/2015;
  • –    i veicoli e gli altri mezzi di trasporto di cui all’articolo 164, comma 1, del TUIR;
  • –    i beni gratuitamente devolvibili delle imprese operanti in concessione e a tariffa nei settori dell’energia, dell’acqua, dei trasporti, delle infrastrutture, delle poste, delle telecomunicazioni, della raccolta e depurazione delle acque di scarico e della raccolta e smaltimento rifiuti.

Per gli altri beni è riconosciuto un credito d’imposta in misura differenziata in relazione alla tipologia di investimenti, ossia:

  • –    per gli investimenti aventi a oggetto beni materiali strumentali nuovi, diversi da quelli “4.0”, in sostituzione del super ammortamento, è riconosciuto un credito d’imposta alle imprese e agli esercenti arti e professioni, nella misura del 6 per cento del costo, con un massimale di investimenti agevolabili di 2 milioni di euro;
  • –    per gli investimenti aventi a oggetto beni compresi nell’allegato A di cui alla legge n.232/2016(Beni funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale delle imprese secondo il modello «Industria 4.0»), in sostituzione dell’iper ammortamento è riconosciuto un credito d’imposta ,esclusivamente alle imprese, nella misura del 40 per cento per la quota di investimenti fino a 2,5 milioni di euro e nella misura del 20 per cento tra i 2,5 milioni di euro e i 10 milioni di euro.
  • –    per gli investimenti relativi ai beni compresi nell’Allegato B della legge n. 232/2016 (Beni immateriali (software, sistemi e system integration, piattaforme e applicazioni) connessi a investimenti in beni materiali «Industria 4.0»),il credito d’imposta, in sostituzione dell’iper ammortamento è riconosciuto nella misura del 15 per cento del costo, nel limite massimo di costi ammissibili, pari a euro 700.000,00.

Il credito d’imposta in esame è utilizzabile esclusivamente in compensazione in cinque quote annuali di pari importo, ridotte a tre per gli investimenti in beni immateriali.

Tale credito è utilizzabile a decorrere dall’anno successivo a quello di entrata in funzione dei beni per gli investimenti diversi da quelli “4.0”.

Al fine di non vedersi contestato il credito fiscale, il bene agevolato non può essere ceduto a titolo oneroso prima del 31 dicembre del secondo anno successivo a quello di effettuazione dell’investimento, né può essere destinato a strutture produttive ubicate all’estero, anche se appartenenti al medesimo soggetto residente che ha goduto dell’agevolazione.

Per gli investimenti di cui agli allegati A e B della legge 232/2016 (vale a dire quelli ad alto contenuto tecnologico e quelli innovativi) i fruitori del credito dovranno procurarsi una perizia tecnica semplice redatta da un Tecnico Abilitato (Ingegnere o Perito Industriale) o un attestato di conformità rilasciato da un Ente Certificatore accreditato da cui risulti che i beni oggetto dell’agevolazione posseggano caratteristiche tecniche tali per cui essi possano essere inclusi negli elenchi di cui ai richiamati allegati A) e B) e che gli stessi sono stati interconnessi. Per beni di costo unitario inferiore ad Euro 300.000,00 tutto quanto sopra descritto può essere sostituito da un’autocertificazione del Legale Rappresentante.

Per informazioni e chiarimenti, non esitate a contattare lo Studio Lo Torto (Commercialista Ostia).